La pronuncia del tedesco nel canto e nel coro

4 marzo 2009 di D.

Piccolo elenco di regole e consigli di pronuncia tedesca per il canto, solistico o corale, rivolto a cantanti o coristi di madrelingua italiana che non hanno dimestichezza col tedesco.

Questo elenco di regole vuole essere un piccolo aiuto pratico ed immediato, senza pretese di sistematicità e completezza.

Gli errori sono messi in ordine di “gravità”: dai più grossolani, evidenti, diffusi e tipici da parte di cantanti e coristi italiani, ai più sottili e ricercati.

Consonanti in fine di parola: vanno sempre pronunciate chiaramente.

B, d, g in fine di parola si pronunciano p, t, k (se segue una i si pronuncia ch).

Evitare di aggiungere vocali dopo le consonanti finali! (Provare a pronunciare separatamente P, T, K senza usare le corde vocali per capire come vanno pronunciate le consonanti finali: la tendenza italiana è di accompagnare tali vocali con un suono neutro, che indicherò con ə ).

Per i gruppi -er, -en, -em, -el, vedi sotto.

Inizio di parola: L’H all’inizio di parola va sempre aspirata (all’interno di parola, no).

Le vocali vanno sempre precedute da un piccolo colpo di glottide: ciò vale anche all’inizio di parola all’interno di parole composte (non facili da riconoscere). Le parole vanno sempre separate tra di loro (contrariamente a quanto accade in italiano e francese). [Il concetto può risultare chiaro se si cerca di differenziare la pronuncia di "le lezioni" e "le elezioni": la breve interruzione prima di "elezioni" è il colpo di glottide di cui sto parlando].

Consonanti:

V si pronuncia F.

SCH come SC(I) in italiano (non come la S trentina di Dosh Shant’Agata).

CH ha due suoni diversi a seconda che sia preceduto da a-o-u o i-e. Tale suono non coincide con K, nè con H. La C toscana può essere una soluzione accettabile.

S seguita da vocale è sempre dolce come in rosa.

ß corrisponde a SS.

W come la V italiana.

TSCH come C in ciao.

NG come la N in ancora, SENZA pronunciare la G!

SP e ST in inizio di parola diventano šp e št, dove con š indico il suono sc dell’italiano sci

CK come kk

DT come tt

Z come in pazzo

G sempre come in ghiro, mai come in giro.

P,T,K vanno sempre seguite da una piccola aspirazione: PH, TH, KH.

R nel canto è come in italiano, non moscia. In fine di parola diventa una A non accentata.

Vocali:

E non accentata, diventa (e) [pari alla u di club] nel canto, mentre nel parlato sparisce. I gruppi finali -er, -en, -em, -el diventano quindi -əa, -ən, -əm, -əl.

Se accentata, E può essere aperta (a metà fra la e di ahimè e perché) o chiusa (a metà fra la e di perché e la i): la migliore approssimazione per il canto è la e di perché.

IE si pronuncia ìi.

EI si pronuncia a metà tra ai ed ae.

EU e äu si pronunciano entrambi a metà tra òi ed òe.

U si pronuncia a metà tra u ed o.

EE si pronuncia a metà tra ii ed ee.

ä si pronuncia è

ü si pronuncia come la u francese in rue o la u rurale in Giüseppe e cültüra.

ö si pronuncia come eu nel francese peu.

Accento: la differenza in tedesco fra sillaba accentata (solitamente la prima) è non accentata è molto maggiore rispetto all’italiano e va rispettata nel canto.

Suoni più rari o di derivazione estera:

QU si pronuncia kv

Y si pronuncia ü

SCE si pronuncia sze

PH si pronuncia f.

Scrittura e varianti: al posto dell’Umlaut (due puntini, stesso segno della dieresi) sulle vocali, si può far seguire la vocale da una e: per esempio ue anziché ü.

Sulla tastiera italiana si possono usare le seguenti combinazioni:

- ä = Alt+0228 oppure Alt+132

- ö = Alt+0246 oppure Alt+148

- ü = Alt+0252 oppure Alt+129

- ß = Alt+0223 oppure Alt+225

E per le maiuscole:

- Ä = Alt+0196 oppure Alt+142

- Ö = Alt+0214 oppure Alt+153

- Ü = Alt+0220 oppure Alt+154

Buona cantata!

Davide Lorenzato.

Categorie: Analisi e guide allo studio, Articoli di Prassi esecutiva, Coralità, linguistica, musica Comment »

Una risposta a “La pronuncia del tedesco nel canto e nel coro”

  1. Ciao Davide,
    Volevo ringraziarti del prezioso tributo per coristi sulla lingua tedesca. Sono una corista del coro polifonico di San Gimignanano, abbiamo appena cominciato a studiare il Mottetto ”Jesu, meine Freude” BWV 227 ed il tuo elenco di regole risulta molto prezioso!! GRAZIE !!
    Qui sotto riporto i links diretti del coro, pubblicheremo presto qualcosa di più recente sui programmi che abbiamo studiato negli ultimi 4 anni di chansons del ’900 e madrigali del ’500.
    Canale youtube :
    http://www.youtube.com/user/corosangi?feature=mhum
    Pagina Facebook:
    http://www.facebook.com/home.php#!/profile.php?id=100001537533668
    e-mail: corosangi@libero.it

Rispondi a Claudia Margheri